Le donne e LA domanda da non fare

Ventunesimo secolo.
Società civilizzata e moderna.
Eppure, ahimè, ci sono ancora quelle persone dalle menti retrograde che fanno alzare la pressione a livelli stratosferici.
Ma procediamo con ordine.
Non nascondo a nessuno la mia età: ho venticinque anni, quasi ventisei, e da tre convivo.
Alcuni di voi penseranno: “Cavolo, è andata via di casa quando era davvero giovane!” o qualcosa del genere. Me l’hanno detto in tantissimi, ma queste osservazioni non mi hanno mai turbato. Se tornassi indietro nel tempo, rifarei tutto quanto.
Ma quando vai a convivere, ci sono domande che varie persone (con cui hai poca confidenza o completi sconosciuti) ti fanno senza preoccuparsi minimamente di sembrare invadenti, ficcanaso e maleducati.
Alcuni esempi?
Quando vi sposate? Chi cucina in casa? Chi fa le pulizie?
A questo tipo di domande c’è solo una risposta: “Ma i c***i vostri?!”
Però, ora, tenetevi pronti: arriva la migliore delle domande.
Avete intenzione di fare figli?
Risultato immagini per gif eslplosione

C’è un modo giusto per replicare a questo tipo di quesito? Non ne ho idea.
So con certezza, però, che quando è un datore di lavoro a chiedertelo, è ILLEGALE. Si tratta di DISCRIMINAZIONE e MISOGINIA.
Una risposta positiva, molto probabilmente, segnerebbe la condanna di quel posto di lavoro, perché si presume che chi pone una domanda simile non abbia intenzione di assumere una futura mamma.
In caso di risposta negativa, invece, si hanno più possibilità di avere quel lavoro?

NOTIZIA FLASH: secondo l’articolo 37 della Costituzione Italiana “la donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.”

Pertanto, il datore di lavoro non può e non ha il diritto di porre domande così personali. Il candidato può rifiutarsi di rispondere e, se il primo è davvero “sfortunato”, può trovarsi di fronte una persona che ha intenzione di sporgere denuncia.
Veramente nel 2020 accadono ancora queste cose?

Quando qualcuno che conoscete poco o per niente vi fa domande così scomode, voi come reagite?

5 libri da leggere a novembre

Benvenuto novembre ❤
Le temperature sono scese e il caldo è un lontano ricordo. Eppure questa stagione è perfetta per mettersi davanti al camino o sotto una morbida e calda coperta e leggere un bel romanzo. Perciò, ecco i cinque libri che consiglio questo mese.

Sei il mio inganno di Jamie McGuire (in uscita il 7 novembre)

Risultati immagini per jamie mcguire sei il mio ingannoNaomi non ricorda un tempo in cui la sua vita sia stata facile. Abituata a pretendere il massimo da sé stessa, combatte per ciò in cui crede. Eppure, dopo l’ennesima battaglia persa, tutte le sue fragilità, prima dissimulate dietro una facciata da dura, hanno visto la luce. Un nuovo lavoro a Colorado Springs le sembra la soluzione migliore per curare il suo cuore spezzato. O almeno così crede. Finché una sera, in un bar, non incontra Zeke. Le basta guardare i suoi occhi azzurri per intuire che lui non è come gli altri. C’è qualcosa nei suoi modi gentili, nella pazienza e delicatezza con cui le si avvicina, che la lasciano senza fiato. Benché non sia ancora pronta per una relazione, Naomi sceglie di aprire la porta a Zeke. Giorno dopo giorno, impara a fidarsi di lui, della sua straordinaria capacità di capirla e di prendersi cura di lei con una tenerezza che Naomi era sicura di non trovare in nessun uomo. Allora si rende conto che tra loro c’è più di una semplice amicizia. Naomi si sta innamorando e non vuole opporre resistenza. Eppure, ci pensa una vecchia conoscenza a metterle i bastoni tra le ruote: si tratta di Peter, un ex storico, che spera ancora di poterla riconquistare dopo anni. Ma Naomi è pronta a tutto, anche a far leva sulle debolezze di Peter, per non perdere la persona che ama.

 

Sono stato un numero. Alberto Sed racconta di Roberto Riccardi

Immagine correlataQuesto libro racconta la vita di Alberto Sed dalla nascita ai giorni nostri. Rimasto orfano di padre da bambino, Alberto è stato per anni in collegio. Le leggi razziali del 1938 gli hanno impedito di proseguire gli studi. Il 16 ottobre 1943 è sfuggito alla retata effettuata nel ghetto di Roma. È stato catturato in seguito, insieme alla madre e alle sorelle Angelica, Fatina ed Emma. Dopo il transito da Fossoli, la famiglia è giunta ad Auschwitz su un carro bestiame. Emma e la madre, giudicate inabili al lavoro nella selezione condotta all’arrivo, sono finite subito nella camera a gas. Angelica, un mese prima della fine della guerra, è stata sbranata dai cani per il divertimento delle SS. Solo Fatina è tornata, segnata da ferite profonde: ha assistito alla fine terribile di Angelica ed è stata sottoposta agli esperimenti del dottor Mengele. Alberto è sopravvissuto a varie selezioni, alla fame, alle torture, all’inverno, alle marce della morte. Ha partecipato per un pezzo di pane ad incontri di pugilato fra prigionieri organizzati la domenica per un pubblico di SS con le loro donne. Dopo essere scampato a un bombardamento, è stato liberato a Dora nell’aprile 1945. Tornato a Roma, superate le difficoltà di reinserimento, ha iniziato a lavorare nel commercio dei metalli e si è sposato. Ha tre figlie, sette nipoti e tre pronipoti.

 

Ti amo per caso di Brittany C. Cherry

Risultati immagini per ti amo per casHai presente quello spazio che c’è tra un incubo e un bellissimo sogno? Quando il domani non arriva mai e il passato non fa più male? Sì, proprio dove il mio cuore batte allo stesso identico ritmo del tuo, il tempo non esiste ed è facile respirare? È lì che voglio vivere con te».
Mi avevano messa in guardia su Tristan Cole.
«Stai lontana da lui», mi diceva la gente. «È crudele». «È freddo».
È semplice giudicare un uomo dal suo passato. Troppo facile guardare Tristan e vedere un mostro. Ma io non potevo farlo. Ho riconosciuto il male che si portava dentro, perché era simile a quello che viveva in me. Eravamo due persone svuotate. Entrambi alla ricerca di qualcosa di diverso. E insieme abbiamo deciso di provare a riunire i frammenti del nostro passato. Poi, forse, avremmo potuto finalmente ricordarci di respirare…

 

Chernobyl 01 23 40 di Andrew Leatherbarrow

Risultati immagini per chernobyl 01 23 40Tutti gli elementi necessari a capire cosa accadde, cosa significò e cosa significa Chernobyl oggi: i dettagli tecnici, le storie umane, gli aspetti politici ed economici e il modo in cui venne gestito il disastro nucleare. Un viaggio nel luogo e nel tempo in cui tutto ebbe inizio e tutto cambiò.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il castello tra le nuvole di Kerstin Gier

Risultati immagini per il castello tra le nuvole kerstin gierChe diciassette anni sia un’età meravigliosa lo dice solo chi li ha passati da un pezzo. Lo sa bene Fanny Funke che nella sua vita improvvisamente non ha trovato più niente che andasse per il verso giusto: amici, genitori, scuola… Al punto da decidere di mollare tutto e di andare a fare uno stage in un albergo. Di sicuro però non sapeva dove sarebbe finita nel luogo più sperduto delle Alpi svizzere in un Grand Hotel indubbiamente suggestivo ma chiaramente in rovina e con una clientela a dir poco variegata, fra oligarchi russi, industriali americani, scrittori di gialli, attrici, ex atlete olimpioniche e, per fortuna, almeno un paio di bei ragazzi. E dove, in qualità ultima arrivata, le tocca subire le angherie di alcune colleghe, le pretese tiranniche del proprietario e l’irritante comportamento dei bambini ai quali deve fare da babysitter. Ma quella che minaccia di diventare una faticosissima routine, si tramuta ben presto in una straordinaria avventura, quando l’atmosfera festosa dell’hotel viene stravolta da un tentato rapimento, che farà capire a Fanny di chi può veramente fidarsi e che cosa cerca veramente nella vita…

 

Buona lettura ❤

 

Mister Romance di Leisa Rayven

Buongiorno a tutti!
Perdonate la lunga assenza, ma avevo deciso di prendermi una breve vacanza e fare un viaggio che aspettavo da una vita del quale vi parlerò presto. Oggi, invece, ritorno ad affrontare uno dei miei argomenti preferiti presentandovi un libro uscito il 25 maggio: Mister Romance di Leisa Rayven, un romance contemporaneo che mi ha conquistato quasi subito.

Risultati immagini per mister romanceMax è un uomo bellissimo, carismatico e passionale e ha una doppia identità. Di notte diventa Mister Romance, un escort che può far avverare ogni fantasia. Le regole sono chiare: niente sesso, ma serate di corteggiamento che stanno facendo impazzire donne e ragazze dell’alta società newyorkese. Su richiesta Mister Romance può diventare un presuntuoso miliardario, un cattivo ragazzo con il cuore d’oro o un motociclista ribelle. Max è abile a trasformarsi, ma sta molto attento a tenere la sua vera identità segreta. La giornalista investigativa Eden Tate ha sentito parlare del leggendario Mister Romance ed è determinata a pubblicare un articolo sull’uomo che sta guadagnando una fortuna affascinando ricche e annoiate signore. Pur di mantenere al sicuro il suo anonimato e quello delle sue clienti, Max sfida Eden a concedergli tre appuntamenti. Se lei non si innamorerà di lui, avrà tutto quello che le serve per il suo articolo. Eden non ha dubbi: è sicura di poter resistere al fascino dell’uomo misterioso, ma quando il vero Max ammetterà di essersi innamorato di lei, dovrà capire se si tratta della verità o di un altro dei trucchi di Mister Romance.

La giornalista che deve scrivere un articolo che dà la svolta alla sua carriera e che alla fine si innamora della fonte è un argomento già visto. Lei determinata, lui schivo e bla bla bla. Eppure con Mister Romance è tutta un’altra cosa.
Devo ammettere che all’inizio ero scettica, soprattutto perché la copertina mi ha ricordato protagonisti prevedibili di altri romanzi che ho letto. Uomini amanti del controllo, egocentrici, arroganti. Beh, in questo romanzo finalmente vediamo qualcosa di diverso.
Scordatevi l’uomo prepotente, che non crede nell’amore, che non hai mai avuto una ragazza fissa e che cerca di restare alla larga dai rapporti lunghi più di una notte. In Mister Romance quell’uomo non esiste, perché è una donna.
Leggendo questo romanzo ho avuto l’impressione che fosse tutto al contrario.
Eden è una giornalista che, a seguito di una delusione da parte di un uomo (scoprirete voi chi), evita in modo assoluto di impegnarsi sentimentalmente; ha rapporti di una notte con uomini che trova nei bar dopo aver bevuto un po’ e non crede assolutamente nell’amore. Il lieto fine? Per lei non esiste.
Max, d’altro canto, è un escort che migliora la vita delle donne con cui esce. Passionale, bello, determinato, crede nell’amore e nei sentimenti che prova dal primo momento in cui incontra Eden. Ovviamente la protagonista prova una forte attrazione nei suoi confronti, ma lasciarsi andare ai sentimenti non le risulterà così facile.
Sotto l’aspetto narrativo ho trovato la storia perfetta, con uno stile gradevole, a volte frizzante, caratterizzato da momenti divertenti e non molti drammi. Si tratta di una lettura leggera, perfetta per essere letta in una giornata in cui non si è alla ricerca di nulla di troppo impegnativo.
Lo consiglio? Sì, ma per leggerlo dovete mettere da parte i vostri ideali sul romanticismo spontaneo, perché forse il lavoro di Mister Romance vi farà restare un po’ perplessi.

 

Noi due per sempre di Jewel E. Ann

Buongiorno a tutti,
dopo aver letto Per sempre tua di Jewel E. Ann ed essere rimasta alquanto sconvolta dal finale, appena è uscito il seguito, Noi due per sempre, l’ho comprato subito. Questo è il romanzo che conclude la serie Transcendent Duet ed è uscito il 29 luglio.

Risultati immagini per noi due per sempre jewel recensione

Dopo un orribile incidente, Swayze si ritrova imprigionata in due vite. Frammenti di ricordi si alternano a veri e propri incubi che la spingono a immergersi sempre più a fondo in un viaggio alla ricerca della verità. Si lascerà trascinare lontano dai suoi sogni per inseguire un desiderio di vendetta che appartiene a una vita non sua? Ci sono cose che non possono essere spiegate, ma al suo fianco troverà Griffin, guidato da un amore intenso e sincero, e Nate, con il quale sente una connessione inspiegabile. E alla fine, quando tutto sarà sul punto di infrangersi, dovrà decidere se continuare a vivere nel passato o dedicarsi, una volta per tutte, al suo presente.

Se Per sempre tua vi ha commosso e coinvolto molto, con Noi due per sempre tutto quello che avete provato si moltiplica d’intensità.
Il romanzo riprende esattamente da dove si è interrotto il primo volume, mostrando una Swayze scossa e confusa, che sta affrontando un momento terribile. Piano piano dentro di lei si fa strada la consapevolezza (e unica spiegazione) che dentro di lei ci sia una parte di Morgan Daisy Gallagher, amica di infanzia e primo amore di Nate, morta quando era ancora adolescente. L’idea della reincarnazione, inizialmente, spaventa la protagonista, ma poi questa teoria comincerà a convincerla sempre di più. Swayze ci crederà e ciò creerà non pochi problemi con il suo ragazzo del supermercato, Griffin. Loro hanno un rapporto unico, pieno di passione e amore, nonostante siano persone completamente diverse; ma qualcosa si incrinerà. Questa, però, non è l’unica relazione che muterà: infatti in Noi due per sempre si assiste a una cambiamento anche tra Swayze e Nate, che ha amato immensamente la sua migliore amica tanto da chiamare la figlia con lo stesso nome.
Durante la lettura si viene illusi, si spera in un finale e poi in un altro, si viene coinvolti fino all’inverosimile e si provano le emozioni che prova Swayze. Il suo dolore, la sua confusione, la sua rabbia, la sua paura.
Siccome ci si trova davanti ad una sorta di triangolo amoroso, è impossibile non fare il tifo per qualcuno, Griffin o Nate; ma penso che questo sia anche il bello del romanzo.
Ammetto che questo libro si discosta un po’ da ciò che sono abituata a leggere: i triangoli amorosi non sono i miei preferiti e non ho mai letto nulla riguardo alla reincarnazione, eppure posso dire con certezza con questa serie è entrata a fare parte della classifica dei romanzi che ritengo indimenticabili.
L’autrice, con le sue parole, strega il lettore, portando la sua curiosità a livelli elevati, tanto che è quasi impossibile interrompere la lettura. Ogni capitolo è intenso e suscita nuove domande che si aggiungono alle precedenti.
Il punto di vista è quello di Swayze, ma sono presenti anche alcune parti raccontate dal POV di Nate e Griffin, cosa che ho apprezzato molto perché ha permesso di capire meglio alcuni aspetti ed eventi.
Detto ciò, mi sento di consigliarvi vivamente questa lettura. Vi farà provare forti emozioni e, soprattutto, non vi deluderà.

 

Per sempre tua di Jewel E. Ann

Risultati immagini per per sempre tua jewel ann

Swayze Samuels ha avuto un’intelligenza particolare sin da quando era piccola. A soli undici anni riusciva a sentire una connessione con eventi accaduti anni prima della sua nascita. Psicologi ed esperti di sviluppo infantile si sono occupati del suo caso, senza mai venirne a capo. Adesso Swayze ha ventun anni, è fresca di college e ha appena ottenuto per l’estate un lavoretto come babysitter di una bambina appena nata. Non appena fa la conoscenza del suo nuovo datore di lavoro, un professore di anatomia diventato da poco vedovo, qualcosa le sembra terribilmente familiare. Come è possibile che conosca tante cose di lui, nonostante la loro differenza di età?

 

Il 25 giugno è uscito Per sempre tua di Jewel E. Ann grazie a Newton Compton Editori.
Si tratta del secondo libro dell’autrice che leggo e, dopo aver adorato I battiti dell’amore, non sono rimasta delusa nemmeno con questo romanzo.
Swayze è la protagonista, una ventunenne aspirante insegnate fidanzata con un meccanico di Harley. Trova lavoro come babysitter e si deve occupare della figlia di un mese di Nate, professore di anatomia che Swayze conosce, anche se non sa come dato che hanno quindici anni di differenza.
Questo libro è un mistero. Una droga. Ti obbliga a rimanere incollato fin dalle primissime pagine perché vuoi assolutamente sapere cosa succede a Swayze, perché conosce eventi accaduti prima che lei nascesse e perché conosce Nate. In tutto questo, troviamo anche una sorta di triangolo amoroso che lascia sempre con il fiato sospeso. Da una parte c’è Griffin, il fidanzato di Swayze con il quale sta da qualche mese. Lui è dolce, si interessa a lei, la ama. Dall’altra, però, c’è Nate, con il quale sente un legame e un’attrazione che non riesce a spiegarsi. Si creerà un triangolo amoroso che proseguirà nel secondo volume.
Jewel E. Ann è un’autrice formidabile che anche stavolta è riuscita a dare vita a una storia unica, misteriosa, coinvolgente ed emozionante. Essere trasportati in un altro mondo dalle sue parole è un’esperienza che non dovete assolutamente perdere.

Red Sea Diving Resort

Durante il viaggio che mi ha portato in vacanza ad agosto, ho guardato uno degli ultimi film usciti su Netflix e che ha subito suscitato la mia curiosità.
Il 28 luglio, sulla famosa piattaforma streaming, è uscito Red Sea Diving Resort, un dramma che si ispira a una storia vera tratto dal libro Mossad Exodus di Gah Shimron.

Tra gli anni settanta e ottanta, un gruppo di agenti del mossad rischiò la vita per portare in salvo centinaia di falascia (popolo etiope di religione ebraica), in fuga dalle persecuzioni in Etiopia. Per riuscire in questa impresa, gli agenti utilizzarono come copertura un resort sulla costa meridionale del Sudan, affittato sotto mentite spoglie.

Risultati immagini per red sea diving resort

Il film, diretto da Gideon Raff, non ha ottenuto ottime recensioni, eppure io ho apprezzato moltissimo questo lungometraggio, che mi ha permesso di conoscere eventi che hanno segnato la storia di alcune popolazioni. Red Sea Diving resort offre molti spunti di riflessione su ciò che gli uomini possono fare quando sono spinti da buoni propositi e grande forza di volontà, ma, al contrario, anche su ciò che l’uomo può fare quando è dominato da ostilità nei confronti di altri popoli e religioni.
La visione è scorrevole, nonostante la durata del film sia di poco superiore alle due ore, e non sono presenti scene poco coinvolgenti che rischiano di annoiare lo spettatore.
Ulteriore punto a favore è rappresentato dal cast, tra cui troviamo Chris Evans, nei panni di Ari Levinson, Alessandro Nivola (già visto in Jurassic Park III e American Hustle) e Haylee Bennet.
In conclusione, non posso non consigliare questo film, che ho trovato coinvolgente (anche se non a livelli altissimi), riflessivo ed educativo.

Voi l’avete visto? Vi è piaciuto?

Due cuori in affitto di Felicia Kingsley

Buongiorno a tutti!
Il mio viaggio tra i libri oggi mi porta a parlarvi di Due cuori in affitto di Felicia Kingsley, uscito a maggio grazie a Newton Compton.

41be3qhgqxlSummer ha ventisette anni ed è californiana. Blake ne ha quasi trentatré ed è newyorkese fino al midollo. Lei aspira a diventare sceneggiatrice, ma per ora è solo assistente del direttore di produzione di una serie tv. Lui è uno scrittore da svariati milioni di copie e i suoi bestseller sono sempre in classifca sul «New York Times». Summer è fidanzata con un uomo molto più grande di lei, mentre Blake è un consumato casanova e nel suo letto entrano ed escono pop-star, attrici e modelle. Lei è una persona ordinata, precisa e mattiniera, fa yoga e beve tè verde; lui fa colazione con un Bloody Mary e due Marlboro, vive nel caos e non si sveglia mai prima delle due del pomeriggio. Summer e Blake non hanno proprio niente in comune, a parte una casa delle vacanze che per un mancato passaggio di informazioni è stata affittata a entrambi. Uno dei due se ne deve andare, ma entrambi hanno ottime ragioni per restare. E le ragioni potrebbero aumentare con il passare dei giorni…

Il modo migliore per entrare nel clima estivo e vacanziero (anche se ormai siamo alla fine)? Leggere una commedia che ti fa desiderare di andare al mare o, più semplicemente, in piscina, su un materassino gonfiabile e un cocktail in mano.
Ho cominciato a leggere Due cuori in affitto spinta da alcuni consigli e recensioni che ho letto e devo dire che mi è piaciuto, nonostante la trama sia prevedibile e già vista.
Ma partiamo dall’inizio… La storia tra Summer e Blake è qualcosa che coinvolge il lettore fin dall’inizio. Non tanto per l’attrazione, che, diciamocelo, nelle prima pagine è quasi inesistente; ma per l’odio che provano l’uno verso l’altra e che li porterà a compiere gesti divertenti e talvolta infantili. Lui, un famoso scrittore, è sboccato, dice quello che pensa senza riflettere, ha una forte personalità ed è conosciuto per essere un donnaiolo. Lei, d’altro canto, è una sceneggiatrice che cerca di farsi notare nel mondo di Hollywood ed è rigida, ama fare yoga ed è vegetariana. L’antipatia che provano l’uno per l’altra fin dal loro primo incontro si trasformerà in attrazione, fino a sbocciare in un forte amore, che renderà complici Summer e Blake, nonostante le loro differenze apparenti.
Questo romanzo è divertente – ci sono momenti davveri buffi, imbarazzanti (ad esempio l’episodio della sorella di Summer) e che fanno davvero sorridere il lettore -, ma è anche romantico e sensuale. Sebben Blake sembri scontroso e antipatico, in realtà è davvero un galantuomo ed è impossibile odiarlo.
Due cuori in affitto è il primo romanzo che leggo della Kingsley e sono rimasta colpita dal suo stile semplice, coinvolgente e a tratti ironico, dalla lettura scorrevole e dalla delineazione direi perfetta dei personaggi.
Nonostante sia un romanzo prevedibile e con alcune scene che mi hanno ricordato cose già viste (ad esempio, la sceneggiatura di Hell-A sembra somigliare un po’ Lucifer e l’intervista di Blake che Summer ha visto su internet è molto simile ad una fatta agli One Direction durante The Ellenshow, con domande e risposte davvero analoghe se non uguali), l’ho letto molto volentieri. Direi che possa essere inserito nella lista dei libri da leggere in spiaggia.
Voi cosa ne pensate? Lo avete letto?

Il principe svedese di Karina Halle

Buon lunedì cari lettori!
A tutti piacciono le favole, giusto? Chi non è cresciuto senza di loro e chi (donne, parlo con voi) non ha mai sognato il principe azzurro? Possiamo sempre sognare, anche quando siamo più grandi. E lo stesso vale per le favole, che possiamo continuare a leggere pure in età adulta.
Con questa recensione veloce, oggi vi parlerò de Il principe svedese di Karina Halle.

516rppibxalNon ho mai creduto nelle favole. Non sono una di quelle che perdeva tempo ad aspettare il Principe Azzurro. Crescere in una piccola città della California, insieme con sei fratelli più piccoli, ti insegna che è davvero improbabile che l’amore si presenti alla tua porta invitandoti per una cavalcata romantica verso il tramonto. Quando i miei genitori sono morti e tutte le responsabilità sono ricadute su di me, ho imparato che è inutile sognare e che bisogna guardare la vita per quello che è. Ma poi il destino ha letteralmente trascinato un principe al mio campanello. All’inizio pensavo che Viktor fosse un ricco uomo d’affari, incravattato, bello in modo assurdo. Ma dietro il suo fascino pacato si nascondeva un uomo in fuga dal proprio destino. Viktor di Casa Nordin, Sua Altezza Reale della Corona Svedese era quanto di più lontano potesse esistere dalla mia vita ordinaria. Eppure questo incontro ha cambiato tutto. Può esistere un lieto fine anche per chi non crede nelle favole?

Questa è una favola ambientata in tempi moderni, dove la protagonista, Maggie, lavora come cameriera ai piani in un albergo dell’anonima città in cui vive. Durante uno dei suoi turni, incontra Viktor, futuro re di Svezia, in circostanze alquanto bizzarre e divertenti raccontate con ironia. Da quel momento, iniziano a susseguirsi vicende esileranti che portano una ventata di aria fresca e, soprattutto, distrazione. In effetti la vita di Maggie non è semplice: di punto in bianco la sua esistenza è stata stravolta dalla morte dei genitori e lei diventa la tutrice dei suoi fratelli e sorelle. Ha dovuto abbandonare l’università e i suoi sogni per dedicarsi alla famiglia e questo l’ha fatta cadere in un mondo pieno di responsabilità. L’arrivo di Viktor, però, porterà diversi cambiamenti nella vita dei protagonisti e Karina Halle è stata impeccabile nel descrivere i loro caratteri in mutamento. Maggie, dapprima severa, diventerà più buona e rilassata, mentre Viktor, inizialmente malinconico e cupo, si trasformerà in un uomo divertente capace di strappare varie risate a Maggie.
La scrittura dell’autrice è scorrevole e coinvolgente, ma la trama è alquanto scontata e rivista in vari film. Eppure non credo che ci si possa stancare di un romanzo simile. È perfetta da leggere se si ha voglia di qualcosa di leggero, molto romantico e con un finale capace di far sognare.

Avete letto questo romanzo?
Cosa pensate delle favole?

Fatemi sapere nei commenti ❤

5 libri da leggere ad agosto

Buongiorno cari lettori,
eccomi di nuovo qui, prima della tanto attesa partenza, per consigliarvi altri cinque libri da leggere questo mese, magari in spiaggia sotto al sole 😉

Per sempre tua di Jewel E. Ann

Risultati immagini per per sempr tua jewel e ann

Swayze Samuels ha avuto un’intelligenza particolare sin da quando era piccola. A soli undici anni riusciva a sentire una connessione con eventi accaduti anni prima della sua nascita. Psicologi ed esperti di sviluppo infantile si sono occupati del suo caso, senza mai venirne a capo. Adesso Swayze ha ventun anni, è fresca di college e ha appena ottenuto per l’estate un lavoretto come babysitter di una bambina appena nata. Non appena fa la conoscenza del suo nuovo datore di lavoro, un professore di anatomia diventato da poco vedovo, qualcosa le sembra terribilmente familiare. Come è possibile che conosca tante cose di lui, nonostante la loro differenza di età?

 

Noi due per sempre di Jewel E. Ann (seguito di Per sempre tua)

Risultati immagini per noi due per sempre jewel e ann

Dopo un orribile incidente, Swayze si ritrova imprigionata in due vite. Frammenti di ricordi si alternano a veri e propri incubi che la spingono a immergersi sempre più a fondo in un viaggio alla ricerca della verità. Si lascerà trascinare lontano dai suoi sogni per inseguire un desiderio di vendetta che appartiene a una vita non sua? Ci sono cose che non possono essere spiegate, ma al suo fianco troverà Griffin, guidato da un amore intenso e sincero, e Nate, con il quale sente una connessione inspiegabile. E alla fine, quando tutto sarà sul punto di infrangersi, dovrà decidere se continuare a vivere nel passato o dedicarsi, una volta per tutte, al suo presente.

 

 

Afterburn/Aftershock di Sylvia Day

Risultati immagini per afterburn aftershock libro

Le regole da non infrangere erano due: mai mischiare il piacere agli affari, mai portare il lavoro in camera da letto. Nell’attimo esatto in cui avevo posato gli occhi su Jackson Rutledge ero sicura che le avrei infrante entrambe. E non potevo dire di non sapere che sarebbe stato un grosso errore.
Due anni dopo, Jax è tornato. Ma io, nel frattempo, ho imparato un paio di cosette. Non sono più la donna che conosceva, lui invece non è cambiato. A differenza della prima volta in cui le nostre vite si sono incrociate, ora so perfettamente con chi ho a che fare… e quanto possa creare dipendenza.
Il lussuoso ambiente tutto glamour, sesso e potere che una volta era territorio esclusivo di Jax, non lo è più. Ora anch’io conosco le regole del gioco. La prima, la più importante, è una sola: tieniti stretti i nemici.

 

Il cardellino di Donna Tartt

Risultati immagini per il cardellino donna tartt

Figlio di una madre devota e di un padre inaffidabile, Theo Decker sopravvive, appena tredicenne, all’attentato terroristico che in un istante manda in pezzi la sua vita. Solo a New-York, senza parenti né un posto dove stare, viene accolto dalla ricca famiglia di un suo compagno di scuola. A disagio nella sua nuova casa di Park Avenue, isolato dagli amici e tormentato dall’acuta nostalgia nei confronti della madre, Theo si aggrappa alla cosa che più di ogni altra ha il potere di fargliela sentire vicina: un piccolo quadro dal fascino singolare che, a distanza di anni, lo porterà ad addentrarsi negli ambienti pericolosi della criminalità internazionale. Nel frattempo, Theo cresce, diventa un uomo, si innamora e impara a scivolare con disinvoltura dai salotti più chic della città al polveroso labirinto del negozio di antichità in cui lavora. Finché, preda di una pulsione autodistruttiva impossibile da controllare, si troverà coinvolto in una rischiosa partita dove la posta in gioco è il suo talismano, il piccolo quadro raffigurante un cardellino che forse rappresenta l’innocenza perduta e la bellezza che, sola, può salvare il mondo.

 

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte di Mark Haddon

Risultati immagini per il mistero del cane ucciso a mezzanotteChristopher Boone ha quindici anni e soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo. Il suo rapporto con il mondo è problematico: odia essere toccato, detesta il giallo e il marrone, si arrabbia se i mobili di casa vengono spostati, non riesce a interpretare l’espressione del viso delle persone, non sorride mai… In compenso, adora la matematica, l’astronomia e i romanzi gialli, ed è intenzionato a scriverne uno. Si, perché da quando ha scoperto il cadavere di Wellington, il cane della vicina, non riesce a darsi pace. E gettandosi nel “caso” con la stessa passione del suo eroe Sherlock Holmes, finisce per portare alla luce un mistero più profondo, che gli cambierà la vita e lo costringerà ad addentrarsi nel mondo caotico e rumoroso degli altri. Con una nuova prefazione dell’autore.

Nel cuore di Ginger di Katy Regnery

Dopo tanta attesa, finalmente ho letto il terzo romanzo della serie A modern fairytale di Katy Regnery: Nel cuore di Ginger. Uscito il 31 maggio grazie a Quixote Edizioni, ha riscosso subito un grande successo. Di sicuro dovuto alla curiosità di scoprire la nuova avventura ispirata ad una favola che la Regnery ha deciso di proporre a noi lettori

TRisultati immagini per nel cuore di gingeranto tempo fa c’erano due cugini:
uno dorato come il sole,
l’altro oscuro come la notte,
uno un protettore,
l’altro un predatore,
uno un Cacciatore
e
l’altro un Lupo…
ed entrambi possedevano in maniera equa,
anche se differente,
una porzione del cuore di una ragazzina.

In questa storia d’amore contemporanea, liberamente ispirata a “Cappuccetto Rosso”, il cacciatore e il lupo sono cugini, e Cappuccetto Rosso è la ragazza della quale entrambi si innamorano.

La bellissima Ginger McHuid, figlia del più importante allevatore di cavalli del Kentucky, cresce nel ranch di famiglia, è la migliore amica di Cain Wolfram, il figlio del responsabile degli stalloni di suo padre, e del cugino di Cain, Josiah Woodman, figlio di un banchiere locale. Nel corso della sua infanzia felice, i tre sono amici inseparabili, ma mentre crescono fino a diventare adulti, sentimenti complicati minacciano di distruggere la lunga storia della loro amicizia e del loro amore.

Nel cuore di Ginger si ispira a Cappuccetto rosso, la protagonista Virginia (chiamata Ginger) rappresenta appunto Cappuccetto, mentre i due cugini Woodman e Cain incarnano rispettivamente il cacciatore e il lupo.
Ginger è nata e cresciuta in una fattoria ad Apple Valley insieme ai suoi due amici d’infanzia Woodman e Cain, più grandi di lei di tre anni. Crescendo, la protagonista inizia a rendersi conto che i sentimenti che prova per entrambi sono forti, fino ad arrivare al punto di farle pensare che lei ama tutti e due. Nasce quindi un triangolo amoroso che sarà il vero e proprio protagonista del romanzo.
Da una parte c’è Woodman, bello, biondo, un bravo ragazzo conosciuto in città e ammirato da tutti, a disposizione del prossimo, educato, pronto a sacrificarsi. L’uomo che tutti i genitori vorrebbero per le proprie figlie, anche quelli di Ginger. Dall’altra, invece, c’è Cain, un ragazzo problematico, con alle spalle una famiglia complicata, che si porta sempre dietro un grosso bagaglio fatto di rabbia, arroganza e donne. Tante donne. Lui è malvisto da tutti, considerato la feccia di Apple Valley, e di certo Cain non fa nulla per far cambiare opinione alle altre persone. Ginger ama entrambi, però in modo diverso. Uno è il suo migliore amico, mentre l’altro è colui che l’accende, le fa provare qualcosa che va molto oltre l’amicizia.
L’intero libro si concentra su questo triangolo che tienere il lettore con il fiato sospeso per tutto il tempo e che si sviluppa dall’infanzia dei protagonisti fino alla vita adulta. Ginger non sa cosa fare, chi decidere e, in tutto questo, gioca un ruolo molto importante sua nonna, che è anche la sua migliore amica e che le darà consigli, la ascolterà quando Ginger vorrà sfogarsi, sarà la sua spalla su cui piangere. Hanno un rapporto davvero bello e anche commovente, in particolare verso la fine del romanzo. Nonostante non sia una protagonista, la nonna di Ginger è fondamentale e capirete voi perché.
Katy Regnery ha delineato alla perfezione tutti i personaggi, facendoli conoscere bene e descrivendoli, in particolare nel carattere, in modo impeccabile. Grazie al POV alternato, è possibile comprendere tutti gli aspetti e le sfumature di Ginger, Woodman e Cain; ma all’inizio  del libro questa tecnica narrativa risulta un po’ noiosa e ripetitiva in quanto alcune scene sono state descritte in modo identico dai tre punti di vista. Superato però questo piccolo scoglio della ripetizione all’inizio del libro, dopo è tutto un crescendo che rende difficile abbandonare la lettura.
Ancora una volta, la Regnery ha fatto centro e vi consiglio di non perdere questo romanzo che vi farà amare ogni personaggio, vi farà  commuovere e provare emozioni davvero coinvolgenti.

Se lo avete già letto, fatemi sapere nei commenti se vi è piaciuto.